Max Pisu - Amnesie

AMNESIE

Questo spettacolo si chiama Amnesie.

Ora non ricordo bene perché ho deciso di chiamarlo così, ma un motivo ci deve essere.

Sicuramente è uno spettacolo teatrale, ci sono diversi monologhi, diversi personaggi e si ride: su questo non ci nevi… no grandi… piove..?

Piove!

E’ una specie di, come si dice, di lista, elenco, una sorta di… campionario umano. I personaggi sono quotidiani e bizzarri allo stesso tempo. C’è un entusiasta che deve organizzare una festa; uno curioso, un po’ invadente in attesa dal dentista; un “bamboccione”, un uomo di sinistra, un neonato e poi c’è… c’è… chi c’è?

Ce ne sono tanti altri e tutti insieme ci danno la misura di quanto possa essere “surreale” la realtà e di come sia straordinario il quotidiano.

Sul palco sono solo ma parlo sempre con qualcuno; che c’è ma non c’è.

Sono monologhi ma sembrano dialoghi.

Forse è una metafora della vita contemporanea, anche se non mi ricordo cosa vuol dire metafora.

Uno spettacolo pieno di amnesie dove si capisce che dimentichiamo solo quello che ci fa comodo e non ascoltiamo gli altri.

Se li ascoltassimo rideremmo molto di più.

Beh, ci vediamo in teatro… se mi ricordo!

Regia: Riccardo Piferi
Testi: Riccardo Piferi, Max Pisu
Produzione: Mat&Teo

locandina-amnesie


BIO

Massimo Pisu, il mio nome d’arte è Max Pisu… (ok, non ho avuto molta fantasia.)
Il grande pubblico televisivo ha imparato a conoscermi nei panni di Tarcisio, il mio fervente frequentatore di parrocchie e gite a Lourdes, un po’… “strano”, ma, a conti fatti, assolutamente non descrivibile come un perdente che, con la sua ingenuità e la sua infantile cattiveria,
(e rispondendo al telefono col suo Ciaaaaaoooo….!) ha fatto ridere le platee di tutta Italia.

Ma così come Tarcisio è riuscito ad allontanarsi dall’oratorio per imbarcarsi nelle avventure più incredibili, ho cercato di dare sfogo alla mia poliedricità artistica, accantonando spesso, negli anni, il personaggio per calarmi nei panni di conduttore, cabarettista, attore, che mi hanno dato modo di esplorare, approfondire, svariate realtà legate a questa professione: Locali di Cabaret, Radio, Cinema, Televisione di intrattenimento, Fiction, Sit-Com, Teatro, Editoria.

Cerco di portare in scena la mia comicità e la mia recitazione senza essere volgare, svariando dal romantico all’ingenuo, a tratti amo essere cinico in altri surreale.

Il mio maestro è Gianni Cajafa, mi ha insegnato le basi della recitazione, i trucchi, le “caccole”, come le chiamava lui, della comicità.

Grazie a Gianni ho intrapreso questa carriera e soprattutto mi ha insegnato ad affrontare senza esaltarsi e senza abbattersi, i successi e i momenti meno brillanti che questo lavoro ci riserva.

Mi ha fatto capire quanto già sia importante e ci si debba considerare dei privilegiati, per il solo fatto di poter “vivere” di un lavoro che è la nostra passione.

Ho debuttato (per intenderci, la prima volta che mi hanno dato dei soldi per salire sul palco) l’8 giugno 1991 a “La Corte dei Miracoli” di Milano.

Mi ha presentato Gianni Cajafa. Grazie Gianni.

PREMI & CONCORSI

2007 vincitore “Premio SPORTILIA”, Santa Sofia

2003 vincitore “Premio Walter Chiari”, Cervia

2000 vincitore del “XXVIIIo Premio satira politica per il cabaret”, Forte dei Marmi

1997 vincitore “Premio Ugo Tognazzi”, Cremona

1996 vincitore “Premio Petrolini – Bravograzie”, Courmayer

1992 vincitore “Premio Città di Milano- Gianni Magni


CONTATTI

Max Pisu
Sito internet: www.maxpisu.it
Telefono: +39 335 5454812

Michela Russo
Sito Internet: www.mateteo.com
Telefono: +39 335 1805226